logo cir33

NEWS ED EVENTI

Presso la Regione Marche presentati i progetti didattici “Scarabeo verde” e “Tree for future”, promossi dall'ATA, dall’AATO 2 e dalla Ludoteca “Riù”. Un’offerta didattica rinnovata su rifiuti, acqua e ambiente per oltre 16.000 studenti


Grande riscontro da parte delle scuole per i progetti didattici “Scarabeo verde” e “Tree for future”, patrocinati dalla Regione Marche, ideati e promossi dall'ATA Rifiuti della Provincia di Ancona, dall’AATO 2 per la regolazione del servizio idrico integrato e dalla Ludoteca “Riù”, e offerti gratuitamente alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di I e II grado del territorio della provincia di Ancona. Nonostante non si siano ancora chiuse le adesioni, le richieste pervenute contano oltre 200 scuole, 1002 classi e oltre 16.000 alunni.

La Regione Marche è in prima linea per la difesa dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile, una scelta ben precisa testimoniata dai fatti come la legge sulle plastiche in mare e la legge sulla tariffa della raccolta differenziata. Più recentemente, la legge sulla riduzione dei rifiuti derivati dalle plastiche che vede le Marche prima Regione d’Italia a recepire la direttiva europea. - dichiara Angelo Sciapichetti Assessore all’Ambiente Regione Marche - Continuiamo lungo questa direttrice, si tratta di norme di civiltà in una prospettiva di valore di esempio per le nuove generazioni. Impegnarsi per consolidare sensibilità, comportamenti, stili di vita ci permetterà di avere giovani cittadini e una nuova classe dirigente capace di affrontare con gli strumenti più idonei le tematiche legate allo sviluppo sostenibile.
Un plauso dunque a questo bel percorso educativo fondato sulle tematiche ambientali. L’assemblea dei comuni dell’ATO2 rappresenta un modello completo e strutturato di organizzazione dell’Ente pubblico gestore del ciclo integrato dei rifiuti a scala di Ambito Territoriale Ottimale con il quale la Regione ha una intensa collaborazione utile a valutare con approccio sperimentale l’efficacia delle azioni e delle iniziative da attuare”.
 
La proficua collaborazione tra i tre Enti riesce a garantire l’attuazione di un percorso educativo a 360° sulle tematiche ambientali - sostiene Matteo Giantomassi Responsabile Comunicazione ATA Rifiuti - in un viaggio che porta gli alunni ad affrontare i problemi dell’inquinamento, dei delicati equilibri del nostro ecosistema, dei rifiuti che possono tramutarsi in preziose risorse, della limitata disponibilità di una risorsa essenziale alla vita come quella idrica, dei cambiamenti climatici, di stili di vita sostenibili.
  
I positivi risultati ottenuti nella gestione del ciclo dei rifiuti e dell’acqua si conseguono e possono essere costantemente migliorati attraverso la costante collaborazione dell’istituzione scolastica, luogo naturalmente designato all’apprendimento e alla formazione delle nuove generazioni, ma anche cassa di risonanza di conoscenze e abitudini verso l’intero tessuto sociale.
 
Le attività educative coinvolgono bambini e ragazzi in un percorso informativo di conoscenza e scoperta delle tematiche ambientali attraverso un’offerta didattica articolata in 26 tipologie di laboratori in classe, 2 concorsi, 4 corsi di aggiornamento per insegnanti e una serie di visite guidate. Le attività didattiche sono curate da un’ATI di due cooperative, Atlantide e La Lumaca, e dalle cooperative COSTESS e HORT.

Novità di questo anno scolastico è il completo rinnovamento della proposta didattica, con laboratori tematici, visite guidate e attività artistiche e pratiche con lo scopo di informare e sensibilizzare sui temi dei rifiuti, della risorsa idrica e del rispetto per l’ambiente, e di offrire un’esperienza formativa continuativa che possa accompagnare gli studenti durante tutto il percorso scolastico.
Nello specifico “Scarabeo verde” si rivolge alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di I grado mentre “Tree for future” raccoglie le proposte didattiche dedicate alle scuole secondarie di II grado, con le quali approfondire economia circolare, spesa intelligente e consapevole e utilizzo delle nuove tecnologie.
L’interessante novità di quest’anno è anche “La mia impronta conta!”, concorso a premi sul tema dello spreco alimentare e del water footprint (impronta idrica) del cibo che buttiamo. Il concorso, oltre a laboratori in classe, prevede anche premi in denaro e visite guidate per le classi più meritevoli. Tutte le opere realizzate saranno poi esposte alla mostra-evento finale a loro dedicata e collezionate in un catalogo di raccolta.
Parallelamente ai laboratori per gli alunni, si offre agli oltre 100 insegnanti iscritti la possibilità di partecipare a corsi di approfondimento su alcune delle tematiche del progetto, condotti da esperti e interamente gratuiti per i partecipanti, che riceveranno materiale didattico e attestato di partecipazione.
Inoltre si riconferma per le scuole la possibilità di intraprendere il percorso per ottenere lo “Scarabeo verde”, un riconoscimento per gli Istituti Comprensivi più virtuosi che, partecipando ai laboratori formativi con tutti i plessi e con almeno il 60% delle proprie classi (dalla scuola dell’infanzia fino alla secondaria di I grado), dimostreranno il loro forte impegno nella sensibilizzazione degli studenti.


news